Bollo auto, ipotesi cancellazione pagamenti arretrati: ecco cosa sappiamo

Con il nuovo decreto Sostegno del governo Draghi potrebbero essere cancellati i pagamenti del bollo auto arretrati. Si tratta ancora solo di un’ipotesi di cui si parla in questi giorni. Ecco cosa sappiamo

Secondo alcune indiscrezioni, il piano fiscale del decreto Sostegno potrebbe prevedere anzitutto una pausa dei pagamenti dei contribuenti fino al 30 aprile.

L’altra misura fondamentale sarebbe invece lo stralcio delle cartelle esattoriali ferme da anni.

Si suppone che possano essere cancellate le cartelle esattoriali relative al periodo tra il 2000 e il 2015, per importi massimi fino a 5mila euro, sanzioni e interessi inclusi.

Il totale di queste cartelle rimaste sospese e non pagate per anni varrebbe circa 60 milioni di euro. È proprio nell’ambito di questi atti che rientrerebbero anche i mancati pagamenti dei bolli auto.

Già il governo Conte I aveva varato uno stralcio fino a mille euro per il periodo 2000-2010, che ora con questa ipotesi verrebbe dunque esteso e allargato.

In tal caso dunque gli automobilisti che non hanno pagato potrebbero approfittare del saldo e stralcio dei debiti generati dal bollo auto, ma anche da una multa scaduta.

Si ricorda comunque che in ogni caso verrebbe fissato un tetto, plausibilmente di 5 mila euro. C’è tuttavia un’altra ipotesi in ballo per le cifre superiori a 5 mila euro. Per chi dovesse superare l’importo fissato come soglia potrebbe esserci la possibilità di accedere alla nuova rottamazione, pagando solo il valore della cartellasenza interessi e sanzioni.

Inoltre potrebbe anche essere previsto un sistema di rateizzazione per frazionare il versamento.

Fonte: https://tg24.sky.it/economia/2021/03/06/draghi-bollo-auto

Condividi su: